Arisa ora torna nello studio del talent show come giurata

Da concorrente a giurata. Dopo aver partecipato alla prima edizione de II cantante mascherato (e aver vinto Ballando con le stelle), Arisa ora torna nello studio del talent show come giurata accanto a Caterina Balivo, Flavio Insinua e Francesco Facchinetti.

Arisa, è vero che hai un intuito da strega? «Diciamo che ho un certo intuito e sto cercando di affinarlo. Non ho ancora un metodo preciso, però mi diverto molto perché sto sul bancone della giuria non tanto per giudicare, come era a X factor, ma per capire le identità dei concorrenti. E questo regala un clima di grande leggerezza a tutto il programma».

Leggi anche:  Beatrice Niederwieser, chi è la moglie di Red Canzian, chi sono i figli Chiara e Philipp

Caterina Balivo, invece, segna tutto su un quadernetto… «Per questo andiamo d’accordo. Siamo due streghe diverse, ma ci completiamo». Come ti ha convinto Milly a fare la giurata?
«Ha fatto leva sulla mia voglia di fare sempre esperienze diverse e imparare cose nuove. Così è stato per Ballando con le stelle, dove ho vinto quando neanche volevo partecipare. Milly è molto persuasiva, una sorta di mamma».

Nel team dello show c’è anche il ballerino Vito Coppola, tuo insegnante a Ballando’, tra voi sembrava fosse amore e invece… Come sono oggi i vostri rapporti? «Ottimi. Ci siamo dati tanto e, se Dio vuole, ci daremo ancora tanto. Queste sono esperienze che uniscono molto».

Leggi anche:  Chi è Laura Freddi compagno, figlia e marito: la vita privata e Paolo Bonolis

Qual è la tua maschera preferita? «Sicuramente la Gallina: un animale che appartiene alle mie origini e radici». Lavori spesso in Tv: non temi di allontanarti troppo dalla musica? «A Volte mi spaventa, pe tante soddisfazioni».

Ti abbiamo vista sul palco dell’ultimo Festival di Sanremo, ma solo come ospite: pensi di tornare in gara nei prossimi anni? «Non vedo l’ora, io penso già al prossimo anno. E spero che ci sia ancora Amadeus, ha realizzato un Festival meraviglioso. Sanremo è la celebrazione della musica, un tempio dove esprimere la tua creatività, e devo dire che quest’anno la competizione canora mi è mancata».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.