Accoltellata a Capodanno a stazione Termini, l’aggressione interamente ripresa dalle videocamere

145

Nella serata di San Silvestro, una 24enne di nazionalità israeliana è stata accoltellata alle spalle mentre si trovava davanti alla biglietteria automatica della stazione Termini di Roma. La giovane era arrivata nella città per trascorrere la notte di Capodanno e avrebbe dovuto ripartire il giorno successivo, ma invece si trova ora in ospedale in gravi condizioni. L'aggressione è stata registrata dalle telecamere di sicurezza della stazione e gli inquirenti stanno lavorando per trovare l'aggressore, utilizzando i video come indizi.

Il video dell'aggressione

La stazione Termini di Roma era affollata di persone la sera del 31 dicembre, alcune delle quali si muovevano in gruppo o in coppia, mentre altre erano da sole. Una giovane donna si trovava davanti a una delle macchinette automatiche per fare i biglietti alla stazione e stava guardando lo schermo concentrata. Allo stesso tempo, un uomo vestito completamente di nero con scarpe scure e una busta celeste in mano si muoveva lentamente lungo il corridoio. Forse è stato in quel momento che l'uomo ha notato la 24enne poco lontana da lui e ha deciso di agire.

L'aggressione alle spalle

L'uomo vestito di scuro si è avvicinato lentamente alla giovane donna e, in un secondo, ha estratto un coltello dalla busta celeste e l'ha accoltellata con due colpi al petto. La donna è caduta, si è rialzata e ha tentato di fuggire, ma senza successo. L'uomo si è avvicinato di nuovo e l'ha colpita un'altra volta. Poi si è voltato, ha nascosto il coltello nella busta e ha fatto per fuggire. Secondo gli inquirenti, dalle immagini raccolte sembra che l'aggressore non avesse intenzione di rapinare la vittima e che il gesto non sia stato motivato da pregiudizi antisemiti. Le forze dell'ordine sono ora alla ricerca dell'uomo. La vittima è stata soccorsa immediatamente e si trova ora in ospedale in condizioni gravi, ma non in pericolo di vita. Ha parlato con gli inquirenti, affermando di non conoscere il suo aggressore.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *