Redazione

NewsItaliane.it nasce con l’obiettivo di creare uno spazio informativo sulle news riguardanti il mondo della politica e dell’attualità italiana ed europea, con uno sguardo oggettivo ed imparziale. Il nostro staff è costituito da 8 web editor, che possono avvalersi della collaborazione di una redazione multilivello, e di professionisti ed esperti nel settore politico italiano.

__________________________________

 

editorial3___Gallery

 

Responsabile:

Luca Zecca – email: redazione@newsitaliane.it

 

Redazione:

Giorgio Lancia – email: redazione@newsitaliane.it – web editor

Laura Gugliotti – email: redazione@newsitaliane.it – web editor

Sara Guglielmo – redazione@newsitaliane.it – web editor

Vincenzo Ferracane – redazione@newsitaliane.it – web editor

Luca Pesti – redazione@newsitaliane.it – web editor

Armando Beffa – redazione@newsitaliane.it – web editor

Lucia Del Giudice – redazione@newsitaliane.it – web editor

Gianni Comando – redazione@newsitaliane.it – web editor

 

Marketing:

Antonio Besta – redazione@newsitaliane.it – responsabile web marketing

Luca Sasso – redazione@newsitaliane.it – web marketing

 

Relazioni pubbliche:

Guglielmo Lazza – redazione@newsitaliane.it – responsabile relazioni pubbliche

2 commenti

  1. GIULIANO FACCHIN

    okay, sono curioso di leggere le vostre news !

  2. Gian Franco Panzera

    BUON GIORNO
    ho letto l’articolo che perla dell’Italia peggio della Grecia
    e non mi stupisce ogni bilancio dalla più piccola azienda fino alle grandi è composto da attivi e passivi
    come tutti sanno negli attivi ci sono anche crediti deteriorato che sappiamo non verranno mai incassati
    L’Italia ha un debito almeno di 800 migliardi di euro che non scrive a bilancio (equitalia deve recuperare circa 900/1000 migliardi ne recupera 50 fate voi
    L’unica soluzione e essere drastici ma chi ha le “palle” per farlo?
    la mia fantasia è questa: salvaguardando per tutti i dipendenti pubblici pensionati di partecipate anche allo 0.1% di aziende come quelle autostradali private si ma hanno un bene pubblico in concessione
    quanto in più deve essere dimezzato chi guadagna 32mila euro ne guadagnerà 31mila chi sotto rimarrà uguale
    Troopi privilegio in 70 anni si sono accumulati a vantaggio di un gruppo ristretto di persone privilegi di ogni genere che stanno strangolando L’Italia
    Non sono in possesso di dati accurati ma da un calcolo inventato N° dipendeti diviso l’ammontare stipendi deminuendo del 20% il numero dei dipendenti pubblici che non prendono 30mila di compenso lordo
    potrebbe risultare un risparmio tra 80/100 migliardi l’anno che se stessimo fermi in tutto il resto farebbe sparire il debito in 10 anni
    saluti da un illuso di Massa aimè ITALIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *