Maurizio Battista il 14 Maggio torna in Tv con un nuovo programma

Torno in TV con un programma che per me è una scommessa, perché è totalmente diverso da tutto ciò che ho fatto fino a oggi. È un programma dove si ride, o meglio si sorride, ma dove, soprattutto, ci si emoziona, ci si commuove perfino: almeno questo è quello che è successo a me, realizzandolo».

Con queste parole Maurizio Battista comincia a parlarmi di Poco di tanto, la sua nuova trasmissione, prodotta da Raidue in collaborazione con Ballandi, e in onda da giovedì 14 maggio. «In ognuna delle tre puntate di Poco di tanto io ripercorro un decennio della storia d’Italia: prima gli anni Sessanta, poi i Settanta e infine gli Ottanta», spiega Battista.

«Lo faccio raccontando, a modo mio, quali sono stati i principali cambiamenti avvenuti nella nostra società in quegli anni: dalle automobili alle mode, dalle innovazioni tecnologiche alla cucina. Per rendere tutto più realistico, ogni puntata è “ambientata” in un appartamento che abbiamo ricostruito mostrando, fin nei dettagli, l’arredamento di allora. Stando lì, mi creda, sembra di tornare davvero indietro nel tempo. E questo mi ha aiutato a entrare appieno nello spirito di questa trasmissione, a lasciarmi andare: perché in Poco di tanto, oltre a raccontare la storia del nostro Paese e a lanciare dei contributi filmati che mostrano come era l’Italia di allora, io parlo anche di me, di come ho vissuto quegli anni, di quali sono i miei ricordi».

Ma in questo programma lei è solo? «Non proprio. In ogni puntata ci sono degli ospiti musicali che “rappresentano” l’epoca di cui parliamo: l’unico nome certo, al momento, è quello di Orietta Berti. Per il resto sì, sono solo: ma è stata una necessità, non una scelta. In origine, infatti, Poco di tanto avrebbe dovuto essere un programma diverso: una sorta di sceneggiato che raccontava la storia di una famiglia in tre diversi decenni. Poi, però, è arrivato il Coronavirus è tutto è cambiato, perché non potevo più stare in scena insieme con altri attori. Abbiamo dovuto stravolgere la trasmissione, inventarci una formula totalmente diversa. Anche se forse, alla fine, è venuto fuori “qualcosa” di ancora più bello. Ma realizzare un prodotto così, in questo periodo, è difficilissimo: per garantire la sicurezza di tutti, infatti, dobbiamo seguire regole rigidissime».

Quali sono queste regole? «Ogni mattina e ogni sera, prima di entrare ne&li studi e quando si esce, a tutte-le persone che lavorano nel programma viene misurata la febbre. Abbiamo sempre con noi un medico, pronto a intervenire in caso di emergenza, e fuori dagli studi televisivi c’è sempre una ambulanza. Tutti noi dobbiamo sempre stare distanti, ovviamente non possiamo toccarci, e indossiamo tutto il giorno guanti e mascherina: li tolgo solo io, e solo quando sono davanti alle telecamere. Lavorare in queste condizioni non è semplice, soprattutto a livello emotivo: perché non riesci mai a rilassarti del tutto, non riesci a dimenticarti, neppure per un secondo, il periodo che stiamo passando. Io, poi, ho scelto di fare un ulteriore sacrificio».

Dal nostro Network

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *