Skip to content

Bus precipita dalla scarpata, almeno 16 morti. Soccorritori a lavoro per salvare i superstiti

Almeno 16 persone sono rimaste uccise a seguito di un incidente stradale, quando l’autobus sul quale stavano viaggiando ha perso il controllo ed è precipitato per 200 metri in una scarpata. Il mezzo, che viaggiava sulla strada di montagna Cotabambas-Cusco, trasportava un gruppo di lavoratori della miniera di rame di Las Bambas, secondo quanto riportato dall’emittente locale Rpp Noticias.

L’incidente è avvenuto nelle prime ore del mattino di sabato 28 agosto mentre il veicolo percorreva i tornanti attraverso la provincia di Cotabambas nella regione peruviana di Apurimac, dove si trova la miniera.

Leggi anche:  Vite al limite, Susan non riusciva neanche a camminare. La sua trasformazione dopo aver perso oltre 150 chili

I lavoratori delle società a contratto Manpower, Geotec, MB Renting, AKD Drilling, Lavalin, M&RC, JRM e JP Natlian sono stati coinvolti nell’incidente, ha detto l’azienda peruviana MMG. La società ha affermato anche che le autorità stanno indagando sulla causa dell’incidente e hanno espresso la propria disponibilità a collaborare.

Le 16 persone morte lavoravano presso la miniera di rame Las Bambas, una delle più grandi del Perù, che si trova al confine della provincia di Cotabambas. Il veicolo è uscito di strada nella zona di Huallpachaca, 600 km a sudest della capitale Lima, lungo la catena montuosa delle Ande, caratterizzata per i pericolosi tornanti che affacciano su alte scogliere.

Leggi anche:  A pranzo non mangia quasi mai, beve solo un paio di caffè. Eppure pesa 120 chili e si vergogna a portare i figli in giro. Poi elimina un alimento dalla sua vita e il suo fisico si trasforma

La miniera di Las Bambas, una delle più grandi del paese andino, produce una media di 350.000 tonnellate di rame all’anno in Perù, il secondo produttore mondiale di metallo rosso. Gli incidenti stradali sono frequenti in Perù, dove molti veicoli viaggiano in cattive condizioni su strade precarie o sono guidati da conducenti senza un’adeguata formazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *